Naxos Isola

Naxos è l'isola la più grande e fertile delle Cicladi, con una superficie di circa 43 km e una linea costiera di 148 km ed è situata nel centro del Mar Egeo. Questa miscela tanti paesaggi diversi con alte montagne, fertili pianure, e spiagge ideali per il nuoto e gli sport d'acqua. La catena di montagna con la vetta più alta delle Cicladi, il monte Zas (1001 metri) perforra tutta l'isola da nord a sud. Mantenendo la propria identità, l’isola combina interesse storico e culturale.

Prenota i tuoi biglietti del traghetto e viaggia a Naxos!

Per saperne di più su Naxos: Naxos di Ieri | Naxos di Oggi | Itinerari Consigliati

Naxos di Ieri

L'isola di Naxos ha un posto di rilievo nella cultura antica, esemplificato da numerosi reperti archeologici che sono sparsi sull'isola. Secondo la mitologia, Zeus stesso era cresciuto all’ isola di Nasso e soprattutto adorato insieme ad Apollo. Tuttavia, la leggenda più famosa è associatia con Dioniso e Arianna. Secondo lei, Teseo abbandonò Arianna a Naxos, che in precedenza lo aveva aiutato ad affrontare il Minotauro. Reperti archeologici indicano la presenza dell'uomo sull'isola sin dal neolitico e, più specificamente, dal quarto millennio aC La cultura cicladica si verifica nei primi anni del terzo millennio aC e segnati dal figurine celebre delle Cicladi. Inoltre, l'isola di Naxos è significativamente influenzata dalla Minoan (dopo il 1900 aC) e la civiltà micenea (fino alla fine del 11 ° secolo aC).. In 8 ° secolo. AC, Naxos ha partecipato alla colonizzazione in Oriente e Occidente, e in collaborazione con Calcide fondarono la prima colonia greca in Sicilia, che è stato chiamato Naxos. Nel 6 ° secolo. AC, il tiranno Lygdamis (con l'aiuto del tiranno ateniese Pisistrato) occupa il potere e contribuisce alla prosperità economica e artistica di Naxos, quando alcuni dei monumenti più importanti come il tempio famoso di Portara (il "marchio" di isola)sono costruiti. L'isola aveva una forte presenza fino al periodo bizantino, quando il declino della forza navale bizantina ha contribuito all'espansione di Venezia, risultando nel 1207 (tre anni dopo la conquista di Costantinopoli da parte dei Franchi durante la quarta crociata) il diplomate Marco Sanudo a conquistare l'isola di Naxos. Quest'ultimo, una volta catturati e altre isole greche, ha fondato agli inizio del secolo 13°. Il Ducato dell'Egeo, con sede a Naxos. Durante l’occupazione veneziana castelli e numerosi palazzi sono costruiti. Nel 1537, le invasioni del famoso pirata Barbarossa, ha dato la custodia di Naxos alla Turchia fino la rivoluzione greca del 1821. Nel 1930, Naxos è stata incorporate allo stato greco, in quanto ha seguito il corso di storia greca.

Naxos di Oggi

Naxos è l'isola più fertile delle Cicladi. I suoi prodotti sono conosciuti in tutta la Grecia per la loro qualità eccellente, mostrando che l'isola è - come dicono gli abitanti del luogo - un luogo benedetto.
Il sud di Naxos, il Prato nelle fertili valli dell'entroterra e nei villaggi circostanti, produisce grandi quantità di patate, il prodotto piu famoso di Naxos.
I paesini den Nord produiscono il "nettare degli dei", come si chiama il famoso vino. Naxos è famosa per il suo olio di olive. E indicative che sull’ isola sono piantati più di 400.000 alberi, di cui 200.000 si trovano nel bacino di Tragaia.
Nelle montagne di Naxos sono allevati centinaia di capre e pecore, mentre le mucche sono alimentate principalmente alla pianura. Dal loro latte e fatto il famoso formaggio in diversi tipi: graviera, kefalotyri, xinotyro e xynomyzithra.
Gli abitanti sono famosi per il divertimento e per la loro tradizione musicale, e accompagnano i loro festeggiamenti, oltre al vino localeanche con il loro liquore locale agrumi dalla distillazione delle foglie di cedro, coltivata solo nelle terre fertili di Naxos.
C’ è una grande ricchezza minerale , lo smeriglio e il marmo di Naxos  sono riconosciuti a livello internazionale per la loro qualità.
Naxos tradizione è ancora viva. In ogni villaggio ci sono circoli culturali chi stanno cercando di tenere la popolazione nei villaggi e di mantenere la ricca tradizione musicale e coreutica.
La musica e la danza a Naxos è uno stile di vita vibrante che viene dal passato ed è mantenuta viva fino ad oggi. Il ballo ‘syrtos’ e la musica tradizionale con gli strumenti del violino, il liuto, ma anche la tzampouna sentiti alle feste, cercano ai conservare la tradizione.
Naxos ha sviluppato negli ultimi decenni l'imagine di un moderno centro turistico.
C’ è una varietà di attività proposte ai visitatori:
Alle spiagge chi sono principalmente diffuse nella parte meridionale dell'isola, in un'area di 25 km è data l'opportunità di praticare degli sport acquatici come windserfing, il kitesurf, vela, immersioni o beach volley.
Naxos ha bei sentieri di montagna. Le decine di sentieri che attraversano Naxos conducono a luoghi belli, molti dei quali sono accessibili solo tramite sentieri per passeggiate. Opzioni di escursioni a piedi e in bicicletta sono proposti al visitatore.

Itinerari Consigliati

1. Chora-Galanado-Sagri-Chalki-Moni-Filoti-Danakos-Apiranthos-Koronos-Apollo-Engares / Galini - Chora

Chora

I monumenti più importanti della capitale sono:
Portara(la grande porta) e costruita all'isola "palazzi" sul bordo del porto. E 'la gigantesca e maestosa porta di un tempio dedicato ad Apollo. Costruito nel 6 ° secolo, l'era del tiranno Lygdami quando Naxos è stata un centro commerciale e culturale.
Il sito archeologico di Grotta: Sotto la Piazza del Duomo, gli scavi hanno rivelato una delle città micenea di Naxos (1200 aC) chi è stata restaurata e aperta al public.
Il Castello, un imponente monumento costruito durante la lunga dominazione veneziana (1204-1537). Situato su una collina che è la naturale acropoli di Hora. Il castello ha la forma di una citta medieval typical con I muri esterni delle case regionali a formare le mura sel castello . All'interno del castello si trova il museo che espone i risultati degli scavi, opere d'arte della vita quotidiana dal periodo preistorico al periodo bizantino (4 ° millennio aC. - 6 ° secolo dC). Il museo è ospitato nella vecchia scuola commerciale (costruito nel 17 ° secolo), situata all'interno del Castello.

Galanado

Torre di Belonia: Un esempio della torre veneziana. E c è ollegato al period veneziano. Le torri veneziane sono costruite in pietra di Naxos. Senza essere imbiancati o avere qualsiasi altro rivestimento si diventano un tutt'uno con il paesaggio. Sono a due piani e sono dotate di bastioni, merli, caditoie e porte che rendono solida la torre.

Sagri

Demetra Tempio: Il tempio del Gyroyla nei pressi del villaggio Sagri, era il centro religioso di una zona prevalentemente rurale ed è stata dedicata al culto della dea Demetra e Apollo. Il tempio è datata al 6 ° secolo aC ed era costruito in marmo bianco.

Chalki

La Vergine Protothroni (9 ° - sec. 10 °) è la più grande chiesa bizantina a Naxos. La chiesa è di grande interesse per gli strati successivi di murali. Aperto dai primi tempi del cristianesimo fino ad oggi.

Monastero - La Madonna

Drosiani è un importante monumento del primo periodo cristiano. Si distinguono tre fasi. Il più antico strato di murali è il 7 ° secolo.

Filoti

Ιl villaggio più grande dell'isola. Un organismo vivente moderno non ha nulla da invidiare dal paese.
La torre del Chimaros con una breve deviazione dal villaggio è un torre notevole ellenistica, costruito con pietre locali (4 - 3 ° secolo aC)..
La grotta di Za si trova sul lato ovest della montagna a un'altitudine di 628 metri abitata durante il Neolitico. Secondo la leggenda li viveva il padre degli dei, Zeus.

Danakos Il Monastero di Fotodoti Cristo

In epoca bizantina, e datato il monastero fortificato di Cristo Fotodoti Danakos fuori dal centro urbano, con elementi architettonici molto particolari. Le leggende dicono che era costruito da una principessa bizantina.

Apiranthos

Il paesino del marmo. Villaggio tradizionale, è una sintesi di elementi veneziani e cicladici Ci sono anche quattro piccoli musei: uno archeologico, un geologico, uno della storia naturale e un folklore.

Koronos

è costruita tra le montagne Koronos e Ammomaxi, i visitatori si perdono per le strade e I molti passi.

Apollo

Il villaggio più settentrionale dell'isola.
Vicino al villaggio di Apollo, all'ingresso di una vecchia cava, rimasto a terra, un incompiuto “Kouros "(statua maschile). La statua è alta 10,45 metri, raffigura Dioniso o Apollo, ed è datato per l'inizio del 6 ° secolo.

Il convento e la torre di Agia

Il monastero di Agia costruito nel nord dell'isola, ad un'altitudine di 220 metri. Nel cortile c’ è un sorgente. Circa 150 metri sopra il monastero si erge la Torre di Agia (sec. 17.) Distrutta recentemente da un incendio. La torre è visibile dalla strada costiera che collega la città con Apollo (circa 6 km prima della Apollo).

Panagia Ypsilotera

Si tratta di un monastero-fortezza, costruita tra il villaggio Galini e il mare, è stata fondata nel 1600 da Greco-ortodossa Jacomo Cocco e un rifugio per gli agricoltori locali, alla lotta contro i Franchi.

2. Iria - Sagri - Potamia - Melanes

Iria - Santuario di Dioniso

Il Tempio di Iria, a 10 km al sud del paese, in località “Prato”, è stato il santuario formale della città di Naxos ed è stato dedicato a Dioniso.

Sagri - Tempio di Demetra

Il tempio risale agli anni del tiranno di Lygdamidos Naxos (circa 530 aC) e fa parte del programma ambizioso di costruzione, analogo a quello del suo amico Pisistrato. Il grande valore di questo risultato è che si tratta di un tempio costruito in marmo, che conserva materiale antico superiore al 50%.

Potamia

Ricco di bellezze naturali. Ha interessanti sentieri in pietra natural. Interessante è anche l'escursione al forte Castello Apano.

Melanes- Flerio

La regione è ricca di sorgenti d'acqua, che ora alimentano la ricca vegetazione della zona. In un antico acquedotto di lunghezza di 11 chilometri, un grande progetto di ingegneria, con molte fasi, portava l'acqua alla città di Naxos, garantendo l'approvvigionamento di acqua. Già durante la costruzione iniziale ha avuto per perforare la montagna al nord con un tunnel per il massimo sfruttamento delle acque, con distribuzione in tutte le aree fertili lungo il percorso per la città. In un santuario vicino alle cave e al fonte antica adoravano una dea della fertilità dagli operai delle cavi, chi sono stati gli ospiti principali. Allo stesso tempo, nella cava di pietra antica si trovano dovegli artigiani antichi, gli hanno lasciati, due statue di Kouros incompiute del 7 ° secolo aC.

Il nostro ristorante

Scopri il nostro ristorante sull'isola di Naxos